Immagina e agisci


Flu Game

Gara 5 delle Finali NBA del 1997: Utah Jazz contro Chicago Bulls. Michael Jordan contro John Stockton.

La possibilità per Jordan di entrare nella leggenda, questa è la gara decisiva perché la serie è 2-2.

La sera prima del match Jordan sta male, ha la febbre alta e perde moltissimi liquidi tanto da dover ricorrere a flebo per cercare di rimettersi in piedi.

E' in panchina e i Jazz stanno vincendo.

Nel secondo quarto entra: 37 punti, i Bulls vincono.

Cosa ci insegna il Flu Game?

Jordan ha passato il primo quarto con la testa coperta e lo sguardo apparentemente nel vuoto. Come spiegherà a fine partita, in realtà, stava vedendo e giocando in anticipo. Nella sua testa. Aveva già fatto tutto in modo da usare le poche energie che aveva soltanto per le giocate fondamentali, per quelle che avrebbero fatto la differenza.

1. L'obiettivo

Qual è il tuo obiettivo? Cosa vuoi ottenere o raggiungere in questa situazione?

Michael Jordan prima di scendere in campo aveva chiarissimo quale fosse il suo obiettivo, per questo ha immaginato ogni singolo dettaglio di ogni azione per essere già pronto, per viverle prima e dover solo ripetere in campo ciò che era utile. Ma questo lo vedremo in seguito. Aveva anche ben chiaro cosa sarebbe successo se avesse raggiunto l'obiettivo e cosa, invece, se non l'avesse raggiunto. 

Chi ottiene risultati straordinari è perché ha ben chiaro in mente quali risultati vuole ottenere. Molto spesso, oltre ad avere queste idee nella mente, le persone di successo scrivono quali risultati vogliono raggiungere.

Ecco un esercizio pratico che puoi fare ora: scrivi cosa vuoi raggiungere, perché, cioè quali benefici otterrai una volta raggiunto l'obiettivo, ma anche quali disagi potresti avere se non lo raggiungessi. I dettagli in questa fase fanno la differenza: il nostro cervello infatti non distingue tra esperienza reale e esperienza vividamente immaginata. Per essere quanto più vera è possibile devi renderla ricca di dettagli come suoni, profumi, materiali, posture.

2. Il focus

Ora che hai davanti a te, ben visibile, il tuo obiettivo, devi identificare i Fattori-Critici-di-Successo (FCS). I FCS sono quelle azioni che fanno la differenza, che ripetute creano abitudini sane e ti danno un vantaggio competitivo, cioè ti avvicinano al tuo successo.

Dicevamo che Jordan durante il Flu Game ha puntato il suo focus solo su ciò che era utile in quel momento: le sue risorse, le sue conoscenze del gioco, i gesti che aveva ripetuto di più negli ultimi 30 anni. E' su questi fattori che devi focalizzarti, tralasciando tutte le abitudini dannose che ti allontano dal raggiungimento del traguardo. 

Se vuoi dimagrire, quali sono le azioni ripetute, cioè le abitudini sane che ti permettono di avvicinarti al tuo obiettivo?

Ad esempio fare la spesa comprendo solo prodotti salutari. Oppure acquistare una borraccia così da bere più spesso e di più. Sicuramente accendere la tv appena entri in casa non può essere la giusta strategia.

Proviamoci insieme:

- Individua quali sono 3 FCS per te e scrivili.

- Ora scrivi le 3 abitudini dannose che non ti stanno permettendo di raggiungere ciò che vuoi.

- L'ultimo passo è sostituire le abitudini dannose, con abitudini sane. Scrivi 3 abitudini più sane con cui migliorare la tua routine giornaliera.

3. Il coach

" Non ho mai visto Jordan giocare così bene come quel giorno" - Phil Jackson.

Anche il più forte di sempre aveva il suo coach. Sicuramente il più noto è Phil Jackson, un guru del gioco che ha allenato anche Kobe Bryant.

E' Jackson che chiama in campo Jordan quand'è il momento giusto.

Il coach sa come portarti al tuo obiettivo per 3 motivi:

- conosce il gioco, l'ha studiato e l'ha provato su se stesso e su tanti altri prima di proporlo a te;

- ti guarda da fuori, perciò riesce a vedere cose che non sempre tu, dal campo, riesci a notare. Per questo è più lucido;

- condivide con te l'obiettivo, ma è più flessibile perché ha più soluzioni. Insieme stabilite l'obiettivo e condividete il viaggio, è però il coach che studia il percorso migliore per te ascoltandoti, guardandoti e stimolandoti anche a dare di più.

I nostri coach sono pronti a guidarti verso il tuo obiettivo!